Ente Raccolta Vinciana Ente Raccolta Vinciana
Ente Raccolta Vinciana

PROFILO

FONDI

PUBBLICAZIONI

STORIA
L'Ente Raccolta Vinciana trae origine dalla donazione fatta alla città di Milano dal grande leonardista Luca Beltrami con la sua ricca biblioteca specializzata sulla vita e le opere di Leonardo da Vinci.
Quel fondo librario collocato nel Castello Sforzesco presso l'Archivio Storico e affidato alle cure del suo direttore Ettore Verga, continuò ad accrescersi mediante la raccolta dei libri su Leonardo che si venivano pubblicando in ogni parte del mondo.
Accanto ad esso si affiancava un gruppo di studiosi legati in un sodalizio che facilitava la reciproca conoscenza di quanto andavano scoprendo con il loro lavoro. Essi collaborarono sia col dono delle loro pubblicazioni alla nostra Biblioteca, sia pubblicando i loro scritti nei successivi fascicoli di "Raccolta Vinciana".
La morte del direttore Verga e successivamente gli eventi bellici non potevano non influire sull'ordinaria attività di "Raccolta Vinciana". Alla fine della seconda guerra mondiale essa fu trasferita presso la Biblioteca d'Arte, sempre nel Castello Sforzesco, sotto la direzione di Francesco Flora il quale con un gruppo di collaboratori pensò di dare più lustro all'istituzione trasformandola in Ente Morale. Lo Stato italiano lo riconobbe ufficialmente nel 1955.
Sotto la direzione del Flora e quindi Anna Maria Brizio, furono pubblicati i fascicoli XVII-XX; sotto la presidenza del Prof. Augusto Marinoni  i fascicoli XXI-XXVI; sotto l’attuale presidenza del Prof. Pietro C. Marani, i fascicoli XXVII-XXXI.
I fondi bibliografici dell' "Ente Raccolta Vinciana", la fototeca e le raccolte diverse costituiscono uno dei tre più importanti punti di riferimento al mondo per lo studio dell'opera di Leonardo. Vi si contengono, oltre a rare pubblicazioni dal cinquecento in poi e alcuni manoscritti, tutte le edizioni in fac-simile dei manoscritti di Leonardo, da quelli più antichi, risalenti alla seconda metà del XIX secolo, a quelli più recenti, editi sotto l'egida dell'Accademia Nazionale dei Lincei (Roma), della Reale Commissione Vinciana (Roma), dell'Institut de France (Parigi), della Commissione Nazionale Vinciana (Roma).
Il patrimonio bibliografico dell'Ente fino a tutto il 1989 è stato schedato insieme a quello della Biblioteca Leonardiana di Vinci, dal Professor Mauro Guerrini, e la schedatura è stata pubblicata in un'opera monumentale di 2200 pagine costata sei anni di lavoro e quasi cento milioni di spesa, divisi tra l' "Ente Raccolta Vinciana" e il Comune di Vinci. Accanto alla biblioteca va ricordato l'archivio fotografico dell' "Ente Raccolta Vinciana", che raccoglie numerose e talvolta rarissime fotografie di opere di Leonardo e della sua cerchia e loro particolari (spesso di particolare importanza perché riproducenti opere di ubicazione ignota o non più esistenti o, nel caso di restauri, perché ne documentano l'aspetto precedente), o dipinti, sculture e incisioni attinenti all'iconografia leonardesca.

BIBLIOGRAFIA

BANCHE DATI